📍Emilia-Romagna | Reggio Emilia
🍇 Barbera, Cabernet, Grechetto
🧑‍🌾 Agricoltura sostenibile
VAI AI VINI

Caccianemici su Sfusobuono

#MakeColliBolognesiGreatAgain - il sogno vinicolo di tre amici.

Come sottotitolo Caccianemici reca la dicitura ‘Bio-Authoctona’ a evidenziare l’importanza che danno all’agricoltura biologica e ai vitigni autoctoni dei Colli Bolognesi. Tre amici - Giovanni, Walter e Antonio - con un sogno in comune che si ritrovano oggi a vivere la loro seconda adolescenza: con carriere differenti alle spalle, hanno deciso di costruire un progetto di simbiosi con la terra. Giovanni è quello più legato ai numeri, è lui infatti ad occuparsi della rete commerciale, Antonio ha un passato da enologo in realtà più grandi e oggi si mette alla prova con una realtà più a misura d’uomo e infine Walter a mediare tra gli altri due.

‘Make the Colli Bolognesi great again’ direbbero quelli fighi e avrebbero ragione: questo progetto vitivinicolo dei Caccianemici è frutto di recupero di vigne altrimenti destinate all’abbandono e valorizzazione dei vitigni autoctoni come Grechetto Gentile e Barbera. Le loro vigne si trovano a Scopeto e nelle terre del Turrone, nel pieno dell’Appennino bolognese, dove il territorio è variegato e alterna colline più dolci a calanchi di roccia nuda e viva.

Il futuro di Caccianemici è florido e ambizioso: nuovi impianti all’orizzonte e una linea base di vini quotidiani e territoriali, insieme a una più alta di etichette affinate in anfora con lateralmente i rifermentati in bottiglia a completare la gamma. In generale i vini vogliono essere autentici e schietti, ottimi da bere soli, ma che danno il loro meglio abbinati ai piatti (meglio ancora se della tradizione gastronomica bolognese!). Noi abbiamo conosciuto il trio dei Caccianemici a Vini di Vignaioli - una delle prime fiere a cui partecipavano - e siamo felici di sostenere questo nuovo progetto vitivinicolo fin dall’inizio.